Morire di disperazione

Nel 2015 Anne Case e Angus Deaton pubblicarono i risultati dei loro studi da cui risultava che in vent’anni, fino al 1998, il tasso di mortalità degli americani bianchi di mezza età era sceso del 2% all’anno con un ulteriore peggioramento dal 1999 al 2013. Il dato era particolarmente allarmante perché nel frattempo in Europa il tasso invece calava nelle stesse proporzioni. Leggi tutto “Morire di disperazione”

L’1% della porta accanto

“Se possiedi  2.200 dollari tra conto in banca, investimenti e patrimonio immobiliare, al netto dei debiti, probabilmente non ti consideri particolarmente fortunato” esordisce un breve pezzo dell’Economist pubblicato oggi. E invece dovresti sapere, continua il settimanale, che sei più ricco della metà della popolazione mondiale (Global Wealth Report del Crédit Suisse Research Institute). Se poi hai più di 70.000 dollari sei nel 10% al vertice della piramide. E se addirittura il tuo patrimonio supera i 750.000 dollari allora sappi che fai parte di quell’1% contro il quale si stanno scagliando gli elettori di tutto il mondo.
(economist.com)

Destra, sinistra, aperto, chiuso…

A fine giugno l’Economist ha pubblicato un articolo in cui spiega come i paesi occidentali ormai non siano più attraversati dalla linea di separazione tra destra e sinistra. La vera divisione è tra aperto e chiuso. La Polonia, ad esempio, è di destra o di sinistra? Leggi tutto “Destra, sinistra, aperto, chiuso…”

Meglio l’Est o l’Ovest?

Anche se la Merkel, all’ipotesi di un premier della Germania Est ha sentenziato che non avrebbe lasciato entrare Karl Marx in quell’ufficio, a 25 anni dalla caduta del Muro, spiega l’”Economist”, la Germania si sta rivelando un paese molto più dell’Est di quanto vorrebbe ammettere.

Leggi tutto “Meglio l’Est o l’Ovest?”

I molti nomi dell’Isis

Quando l’Isis si è presentato per la prima volta aveva appunto questo nome, Isis, che è l’acronimo di “Islamic State in Iraq and Syria”. Lo scorso giugno però è diventato lo Stato del Califfato Islamico (Sic) a riflettere l’ambizione di governare su tutti i musulmani. In seguito, volendo disconoscere i confini coloniali, è stata adottata un’altra indicazione geografica: “al-Sham”, che si riferisce sia alla capitale Damasco sia all’intera regione del Levante, e quindi non più Isis, ma Isil. Leggi tutto “I molti nomi dell’Isis”

Lo stato islamico e le maestre

Lo scorso mese, l’Isis ha convocato le maestre della provincia di Raqqa, nella Siria orientale, spiegando loro le nuove condizioni se avessero voluto continuare a ricevere lo stipendio. Un breve articolo dell’Economist commenta come lo Stato islamico, “tra decapitazioni degli avversari, crocifissione dei furfanti e attacchi americani” trovi il tempo di occuparsi di questioni solo apparentemente banali, come il curriculum scolastico.

Leggi tutto “Lo stato islamico e le maestre”