Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente alla disuguaglianza, che era poi alla base dello slogan di Schulz: “Time for more equality. Time for Martin Schulz”.
Annette Berg, responsabile dei servizi sociali di Gelsenkirchen, città della Renania settentrionale un tempo ricca di industrie del carbone e dell’acciaio e oggi con il tasso di disoccupazione più alto del paese (14,7%), spiega bene cos’è la povertà invisibile. Il sistema di sicurezza sociale è abbastanza solido da non far vedere poveri per strada, si assicura che i tuoi figli siano vestiti bene. Ma se non hai un lavoro, non ti puoi permettere altro.
In Germania i redditi sono nella media europea, ma quando si passa al patrimonio personale si scopre che il 40% dei tedeschi non possiede niente, neanche risparmi in banca. Solo il 45% possiede la propria casa.
L’avvento dei mini-job ha sicuramente aperto il mercato a madri con bambini piccoli, studenti e pensionati, ma ha anche trascinato verso il basso il mercato del lavoro. Inoltre le pensioni sono generose solo per chi ha lavorato a tempo pieno per tutta la vita, condizione sempre più rara.
Così, a partire dagli anni Novanta, la forbice si è allargata, con effetti anche sulla salute, un problema aggravato dal fatto che la Germania si avvia ad essere il paese più vecchio del mondo.
(ft.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *