La promessa dell’immunoterapia

Sull’ultimo numero de “Le Scienze”, un lungo articolo è dedicato alle ultime ricerche sulla cura dei tumori. Gli studi su cancro e immunità risalgono a oltre un secolo fa. Rudolf Virchow fu il primo a intuire una connessione tra infiammazione e cancro. Il nostro sistema immunitario ha due sistemi di difesa, uno innato e non specifico e uno specifico e adattivo Leggi tutto “La promessa dell’immunoterapia”

Il Ddt 50 anni dopo

A metà giugno, su “Le Monde”, Stéphane Foucart ha pubblicato un pezzo dal titolo piuttosto inquietante: “Ddt: pesticida di ieri, cancro di oggi”.
Ricorda Foucart che nel 1962, la biologa americana Rachel Carson, con il suo libro Primavera silenziosa, mise in guardia l’opinione pubblica sui pericoli del para-diclorodifeniltricloroetano, più noto come Ddt. Ci vollero però altri quattro rapporti scientifici e dieci anni prima che l’insetticida fosse bandito Leggi tutto “Il Ddt 50 anni dopo”

Farmaci

I malati di cancro americani, oltre alle preoccupazioni, alla sofferenza e allo stress legato al dover continuamente assentarsi dal lavoro, ora hanno un altro problema: un aumento consistente dei farmaci antitumorali che in dieci anni sono arrivati a 10.000 dollari al mese. Globalmente la spesa per i trattamenti oncologi è arrivata a 91 miliardi lo scorso anno. Leggi tutto “Farmaci”

Un test inutile?

A partire da un libro appena uscito, “La grande beffa della prostata: come la Grande medicina ha dirottato il test PSA provocando un disastro nella sanità pubblica” (di Richard Ablin e Ronald Piana), sull’ “Economist” si torna a parlare del controverso test del Psa. Leggi tutto “Un test inutile?”

Un tumore indolente

Nell’ultimo numero de “Le Scienze”, Marc B. Garnick, oncologo esperto di tumore alla prostata della Harvard Medical School, dedica un lungo e denso articolo al dibattito sul senso e l’efficacia degli screening oncologici per l’individuazione di questo tumore.
Da tempo, negli Stati Uniti, e non solo, se ne discute, ma lo scorso inverno la Us Preventive Service Task Force (Uspstf), che si occupa di valutare l’efficacia dei servizi clinici di prevenzione, ha lanciato quella che Garnick ha definito una “bomba” sostenendo che i maschi in salute dovrebbero sospendere i controlli perché i potenziali benefici non compensano i rischi reali di terapie anche molto invasive e dagli effetti non garantiti. Il test del Psa infatti non ci dice che una persona ha un tumore, ma solo che potrebbe averlo. Solo la biopsia segnala la presenza di un tumore, ma… Leggi tutto “Un tumore indolente”