La primavera delle facciate di Algeri

Ad Algeri le notti si stanno rianimando. In poche settimane alcuni locali, tutti dotati di wi-fi, hanno cambiato look e così le facciate dei palazzi, molte delle quali rinnovate. Le strade si sono riempite di gente per varie iniziative. Pare la spinta venga dall’alto Leggi tutto “La primavera delle facciate di Algeri”

Forza e debolezza dei movimenti

La forza e la debolezza di cui si parla non riguardano solo i movimenti, ma tutto ciò che è spontaneo, immediato, espressivo; vicino alla democrazia diretta, lontano dalle istituzioni. Ci si può ritrovare insieme a sostenere una causa facilmente, se non c’è una dittatura in atto. Altrettanto facilmente ci si può separare. La forza e la debolezza si sono accresciute da quando le reti e i gruppi hanno sostituito, in parte, le manifestazioni. La primavera araba, che ha dato a molti, e a me, una speranza, ha avuto nell’uso della rete, dei blog, di twitter, uno strumento potente, ma insieme anche un punto di vulnerabilità, di debolezza, di implosione -forse di illusione. Leggi tutto “Forza e debolezza dei movimenti”

Tribù e rivoluzione

Il titolo completo del libro, di John Davis, a cui faccio riferimento, è Libyan Politics. Tribe and Revolution. E’ un libro del 1987 e riguarda quindi la generazione dei padri dei ragazzi che, per festeggiare, sparano in aria con le mitragliatrici e finiscono bombardati dagli aerei alleati di passaggio, addestrati, lì come altrove, a rispondere al fuoco prima di chiedersi chi spari e perché. Credo abbia senso lo stesso fare riferimento a Tribe and Revolution perché l’autore ha seguito a lungo, nel periodo del consolidamento del potere di Gheddafi, la vita, la politica, le idee dei libici, in particolare degli Zuwaya, insediati soprattutto tra Ajdabya -dove finisce la zona più o meno coltivabile a sud di Benghazi e comincia il deserto, anche lungo la costa- e Kufra, 800 chilometri più a sud, di cui, almeno allora, 600 di piste, giorni e giorni di viaggio. Ha vissuto, in tenda, per non disturbare, alla periferia di Kufra, dove le case sono in muratura, ha seguito i seminari sulle religioni, le elezioni, la vita dei comitati, la vita delle famiglie. Leggi tutto “Tribù e rivoluzione”