Nicola Chiaromonte e il limite

La scrittrice Mary McCarthy, a proposito di Nicola Chiaromonte, racconta:“Questo del limite era un concetto molto importante nel pensiero di Nicola. Che vuol dire? Fra tante cose, anche questa: che un’azione non si qualifica soltanto per la sua natura , ma per la sua misura. Fare dieci è una cosa, fare venti della stessa cosa, è un’altra. Per Nicola, voler ottenere un mutamento attraverso la conquista immediata e integrale del potere, era una cosa sciocca, perché nel perseguire il potere, si snatura e sorpassa il limite: si crea una contraddizione fra ciò che si vuole e ciò che si ha imponendolo. Sempre a proposito di limite gli piaceva raccontare questa storiella. In Cina un contadino aveva un piccolo podere. Non c’era acqua, e lui doveva ogni giorno, con grande fatica, andarla a prendere lontano, per la casa e per i campi. Un altro cinese, contadino come lui, gli dice: ‘Ma scusa, perché non fai come me?’. E gli fa vedere tutto un sistema di ruote, carrucole, funi, canaletti di bambù, eccetera, per estrarre l’acqua da un pozzo e farla arrivare dove serve senza rompersi la schiena. Il primo cinese guarda tutto, poi dice: ‘Non lo voglio’. ‘Perché?’. ‘Perché così l’acqua diventerebbe furba’. E’ una storiella tipica di Nicola. Il sospetto di una tecnologia che non tenga conto dei ritmi della natura. Lui diceva sempre che nel mondo moderno non c’è possibile salvezza se si accetta il progresso tecnologico per principio, senza riserve, e si applica tutto ciò che esso può suggerire”. Forse anche i virus, le cimici e quant’altro si stanno facendo furbi.

di Nicola Chiaromonte – aprile 1956

Ora, nella misura in cui l’esperienza che l’individuo ha della sua esistenza sociale è un’esperienza di non-verità e di atti non-liberi, egli non cerca la verità: vuole idee bell’e pronte, prontamente rassicuranti, così pure, egli chiede non la libertà, ma l’organizzazione di una forza capace di assicurare la soddisfazione dei suoi bisogni.

Leggi tutto “di Nicola Chiaromonte – aprile 1956”

“Fra me e te la verità” su Radio 3

Nella puntata del 4 settembre 2014 di “Qui Comincia”, su Radio 3, Attilio Scarpellini ha parlato di “Fra me e te la verità – Lettere a Muska”, volume edito dalla cooperativa Una città che raccoglie una selezione delle lettere che Nicola Chiaromonte ha scritto alla suora Melanie Von Nagel. Leggi tutto ““Fra me e te la verità” su Radio 3″

La documentazione assoluta di cui siamo diventati capaci

Da una lettera di Nicola Chiaromonte a Melanie von Nagel, 2 ottobre 1967

Mi capita sotto gli occhi (fra il mucchio di fogli e quaderni che occupa il mio tavolo) una nota che forse ti divertirà. È questa, sulla “documentazione assoluta” di cui siamo diventati capaci:
“Si potrebbe pensare, considerando i mezzi prodigiosi, e quasi totalitari, che possiede l’uomo moderno di trasmettere ai posteri ogni sua parola, gesto, azione, immagine, che egli ha raggiunto il colmo del possibile per quanto riguarda la verità di fatto su se stesso: la verità storica”.
“Ma un momento di riflessione basta per accorgersi che questa documentazione totale e – si direbbe – assolutamente obbiettiva, non ha, proprio praticamente, alcun valore”. Leggi tutto “La documentazione assoluta di cui siamo diventati capaci”