Tra Chisinau e Parma – di Paolo Bergamaschi

Di tutto aveva bisogno la Moldavia fuorché di nuove elezioni. La crisi politica che nel giro di pochi mesi aveva portato alla caduta di due governi sembrava conclusa e archiviata a gennaio con l’insediamento del nuovo primo ministro Pavel Filip, anche se le manifestazioni di piazza non cessavano, con i dimostranti irremovibili nella richiesta di un cambiamento radicale che mettesse fine alle consolidate pratiche di malgoverno che avevano afflitto il paese dai giorni della dichiarazione di indipendenza da Mosca.

Leggi tutto “Tra Chisinau e Parma – di Paolo Bergamaschi”

Dove va la Moldavia?

Quando si arriva in Moldavia, questo piccolo paese senza sbocco sul mare tra la Romania e l’Ucraina, ci si imbatte subito in un odore di comunismo, racconta Mirel Bran, corrispondente di “Le Monde”, “una miscela di gasolio sovietico e, con una fragranza più gradevole, e di quella terra nera che fa la ricchezza del paese”. Leggi tutto “Dove va la Moldavia?”