Gli stipendi tedeschi

Ma gli stipendi tedeschi non erano quelli più generosi, anche alla prova del superiore costo della vita? In un articolo apparso oggi sul “Financial Times”, Gerrit Wiesmann, inviato a Berlino, dà un’immagine un po’ diversa. Sabrina Decker, che guadagnava 1100 euro in un call-center, si è vista trasformare il contratto che ora prevede, anziché una paga oraria, una paga a telefonata Leggi tutto “Gli stipendi tedeschi”