Benvenuti ad Agadez

Idriss è un carovaniere di Agadez, in Niger. Prima si arrabattava con un po’ di contrabbando e portando a spasso per il deserto i turisti, ma da quando questi ultimi hanno cominciato a scarseggiare ha cambiato clienti. Ogni lunedì trasporta una trentina di migranti sulla sua Toyota per un viaggio di 4 giorni fino alla Libia, dove dopo Gheddafi non ci sono più controlli. Leggi tutto “Benvenuti ad Agadez”

Tribù e rivoluzione

Il titolo completo del libro, di John Davis, a cui faccio riferimento, è Libyan Politics. Tribe and Revolution. E’ un libro del 1987 e riguarda quindi la generazione dei padri dei ragazzi che, per festeggiare, sparano in aria con le mitragliatrici e finiscono bombardati dagli aerei alleati di passaggio, addestrati, lì come altrove, a rispondere al fuoco prima di chiedersi chi spari e perché. Credo abbia senso lo stesso fare riferimento a Tribe and Revolution perché l’autore ha seguito a lungo, nel periodo del consolidamento del potere di Gheddafi, la vita, la politica, le idee dei libici, in particolare degli Zuwaya, insediati soprattutto tra Ajdabya -dove finisce la zona più o meno coltivabile a sud di Benghazi e comincia il deserto, anche lungo la costa- e Kufra, 800 chilometri più a sud, di cui, almeno allora, 600 di piste, giorni e giorni di viaggio. Ha vissuto, in tenda, per non disturbare, alla periferia di Kufra, dove le case sono in muratura, ha seguito i seminari sulle religioni, le elezioni, la vita dei comitati, la vita delle famiglie. Leggi tutto “Tribù e rivoluzione”