La nuova grande muraglia – Lettera di Ilaria Maria Sala

Una Città253 / 2018 novembre

Cari amici, 

non so quanto seguiate le relazioni estere della Cina. In queste settimane di fine 2018, Pechino sta portando avanti una battaglia rabbiosa con il Canada, colpevole di aver rispettato un trattato di estradizione con gli Usa, e aver arrestato la direttrice finanziaria della Huawei. Si tratta dell’azienda di telefonia mobile che molti (tranne l’Italia, non so davvero perché) temono per i suoi stretti legami con il governo cinese e l’esercito, e per il fatto che, dovunque operi, sottostà alle leggi cinesi che prevedono che debba fornire informazioni sui suoi utenti se il governo cinese decide che sia necessario.

Leggi tutto “La nuova grande muraglia – Lettera di Ilaria Maria Sala”

Antidoti al terrorismo

Anche il Canada è alle prese con la minaccia rappresentata dall’estremismo religioso islamico. Cosa fare? A Montreal, nel 2014, dopo gli attentati di Quebec e Ottawa, è nato il Centre for the Prevention of Radicalism Leading to Violence. Nel primo anno ha ricevuto circa settecento chiamate, perlopiù da parte di genitori preoccupati Leggi tutto “Antidoti al terrorismo”

Vado a vivere da solo

Per la prima volta nella storia del Canada, le case con un singolo occupante hanno superato quelle familiari: secondo l’ultimo censimento sarebbero 3.673.305 le persone che vivono da sole, più degli abitanti di Vancouver. Ma il fenomeno è più esteso.

Leggi tutto “Vado a vivere da solo”

Il look di Nousha

In un campo profughi in Siria le guardie hanno ordinato a Nousha e alle altre volontarie del progetto Amal ou Salaam (Speranza e pace) di coprirsi i capelli, prima di entrare. Si sono rifiutate, e hanno portato l’attività altrove. “Non potevo accettare il compromesso -spiega Nousha-, perché avrebbe pregiudicato una delle cose importanti del nostro volontariato: ricordare alle bambine che nel mondo arabo le donne di ogni classe sociale ed età hanno sempre potuto seguire le mode più differenti. Quando ero piccola io, a Damasco, essere una ragazza ‘pudìca’ significava indossare le magliette a mezze maniche invece delle canottiere…”. Leggi tutto “Il look di Nousha”