La mia Gran Bretagna…

Una Città263 / 2020 febbraio

Cari amici,
ecco, è fatta. Il 31 gennaio è stato una giorno difficile, grigio e senza conforto per quelli di noi che considerano una sciagura questa tortuosa uscita dall’Unione europea. Noi Remainer stiamo attraversando varie fasi di dolore per la vostra perdita.

Leggi tutto “La mia Gran Bretagna…”

“What next?” Lettera di Belona Greenwood

Lettera pubblicata nel n. 218 di Una città*.

Ca­ri ami­ci,
a gen­na­io, una mat­ti­na pre­sto, quan­do gli uc­cel­li era­no trop­po as­si­de­ra­ti per can­ta­re, so­no an­da­ta a un con­ve­gno aper­to agli ar­ti­sti, agli scrit­to­ri e ai de­vo­ti del­la cul­tu­ra; una riu­nio­ne che fa­ce­va par­te di “What Next?”, l’i­ni­zia­ti­va vo­lon­ta­ria na­zio­na­le crea­ta al­lo sco­po di pro­muo­ve­re i va­lo­ri fon­da­men­ta­li del­l’ar­te, nel ten­ta­ti­vo di fre­na­re la rea­zio­ne istin­ti­va, in tem­pi di cri­si, di far scen­de­re la man­na­ia dei ta­gli sul­la cul­tu­ra. In pas­sa­to è già ac­ca­du­to, e la man­na­ia è pron­ta a ca­la­re an­co­ra una vol­ta.

Leggi tutto ““What next?” Lettera di Belona Greenwood”

I dodicenni del 1914

Belona Greenwood, da Norwich, Inghilterra, ci scrive delle iniziative per l’anniversario della Prima guerra mondiale e del dubbio che per i più giovani quel passato resti incomprensibile.

Ca­ri ami­ci,
una mia co­no­scen­te è ma­dre di due ra­gaz­zi­ni. Po­treb­be­ro es­se­re i due gio­va­ni prin­ci­pi di una fa­vo­la: l’u­no chia­ro, l’al­tro scu­ro. Nel tem­po li­be­ro suo­na­no la chi­tar­ra e la bat­te­ria in un grup­po fra­go­ro­sa­men­te di­sar­mo­ni­co, han­no la ra­gaz­za, stu­dia­no per gli esa­mi e co­mu­ni­ca­no tra lo­ro me­dian­te cen­ni del­la te­sta e mez­ze fra­si. La ma­dre li pro­teg­ge con fer­vo­re, qua­si fos­se­ro due fra­gi­li crea­tu­re che po­treb­be­ro spez­zar­si al­la pri­ma fo­la­ta di ven­to. Ri­cor­do di es­ser­mi chie­sta co­me sa­reb­be sta­to per lei se i suoi fi­gli fos­se­ro vis­su­ti un cen­ti­na­io d’an­ni fa, quan­do la pri­ma guer­ra mon­dia­le chie­de­va ed esi­ge­va che i gio­va­ni in buo­na sa­lu­te si ar­ruo­las­se­ro co­me vo­lon­ta­ri. Leggi tutto “I dodicenni del 1914”