La forza di Salvini

Qual è la forza di Salvini? Il rosario, Orban, Casa Pound, le felpe e il torso nudo? Semmai, per ora almeno, questi atteggiamenti gli faranno perdere un po’ di voti. (A Verona s’è preso paura e s’è fermato: “La 194 non si tocca”. Se ora, prima delle elezioni, avesse sgomberato Casa Pound, con una mossa del genere “discorso di Berlusconi a Onna”, avrebbe sbancato). Non è che, invece, i suoi punti di forza (quanto concreti o immaginari importa fino a un certo punto e comunque non ora) sono il contrasto dei flussi migratori, quota cento e il decreto sicurezza? Punti su cui, guarda caso, la sinistra balbetta, farfuglia, cambia discorso? La sinistra sembra ritrovare la voce solo nel dire: “Fascista”. Se poi guardiamo ai veri punti di debolezza di Salvini, il sovranismo fondato sui debiti, un nazionalismo dal cuore nordista, un partito popolare dalla parte dei ricchi, cosa dice la sinistra? Non si capisce. Basti pensare che anche a sinistra, ormai, la parola “patrimoniale” è al bando. Forse la verità è che, in fondo, siamo diventati tutti dei “moderati non riformisti” che si sentono di sinistra solo dando del fascista a qualcuno. Casomai dal balcone di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *