Il grande fratello e l’Rc auto

Agli ideatori doveva essere sembrata una bella trovata. “Firstcarquote” il nuovo prodotto della compagnia assicurativa inglese Admiral si rivolge esplicitamente alla “generazione digitale” alle prese con l’acquisto della prima auto facendo un’offerta allettante. Permettimi di “quotarti”, cioè di capire quante possibilità ci sono che tu faccia un incidente, e ti farò un bello sconto. Quotarti come? Beh, studiandoti attraverso il tuo account su un social network. Facebook ha bloccato sul nascere l’iniziativa perché viola gli elementari principi di privacy. Admiral si è giustificata spiegando che c’è un legame comprovato tra la personalità e il modo di guidare e che il loro servizio era pensato per aiutare i giovani neoguidatori spesso molto penalizzati dai premi assicurativi. Sarà. Certo la prospettiva che un’assicurazione usi degli algoritmi per sapere, per esempio, in che orari e dove incontri le persone, quali parole usi nei post e quanto lunghe sono le tue frasi fa, a dir poco, una certa impressione.
(www.dailymail.co.uk)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *