La dottoressa Atai-Omoruto

Il 6 maggio è morta Anne Deborah Atai-Omoruto, 59 anni. Medico ugandese affermato, esperta di malattie infettive, nel 2014 aveva lasciato la famiglia e, con una squadra di colleghi, si era trasferita in Liberia su mandato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per allestire un’unità di trattamento dell’Ebola. Al suo arrivo, raccontava, “c’erano più cadaveri che pazienti”, ma questo non l’aveva scoraggiata, anzi. I pazienti ricordano la sua dedizione, la sua passione e la cura e l’attenzione, non solo per i pazienti, ma anche per l’intero personale medico e infermieristico. Durante l’epidemia in Liberia sono morte 4.810 persone e oltre 10.000 infettate. La dottoressa Atai-Omoruto, oltre al marito, lascia cinque figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *