Mangiar sano?

La Food and Drug Administration sta pensando di ridefinire il concetto di “sano”. La questione è sorta dopo che la dolciaria Kind, che produce snack “sani”, si è vista inibire dalla possibilità di usare appunto questa dicitura nelle confezioni e allora ha fatto ricorso. Le ricerche sull’alimentazione sono ben lontane dall’essere precise e incontestabili. Intanto hanno bisogno di tempi lunghi e quelle condotte con questionari patiscono il fatto che la gente spesso dimentica cos’ha mangiato o bara. Un’indagine condotta nel 2012, emblematicamente, rilevava che gli alimenti più comuni erano legati -contemporaneamente!- a un basso e a un alto rischio di cancro. Perfino i tanto vituperati grassi saturi oggi vengono riabilitati. Nel corso della preparazione di nuove linee guida per i cittadini americani, la comunità scientifica si è divisa anche sul colesterolo. Quindi se si vuole mangiare “sano” cosa bisogna fare? Poche certezze sembrano rimaste: evitare i cibi senza valori nutrizionali (bibite, caramelle, ecc.), preferire cibi naturali (una mela, una bistecca) a cibi “processati” (cracker, succhi, ecc.). Per tutto il resto, fino a che gli studiosi si mettono d’accordo, la cosa migliore pare resti quella di mangiare quello che ci piace. Con moderazione. (economist.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *