Elezioni in Iran

La scorsa settimana, in Iran, le file fuori dei seggi erano talmente lunghe che la commissione elettorale ha dovuto posticipare la chiusura ben cinque volte. I religiosi hanno gettato fango sui candidati, ma non potevano permettersi di gettare fango sulla gente. Muhammad Zarif, il ministro degli esteri che ha negoziato l’accordo sul nucleare, è stato applaudito. Muhammad Khatami, che nonostante sia sparito dai media resta la figura più popolare, è stato accolto ai seggi come un eroe.
Nella capitale la “Lista della Speranza” ha ottenuto la maggioranza assoluta. E dei trenta deputati eletti otto sono donne. Non c’è da farsi troppe illusioni: la lista “riformista” è tale fino a un certo punto. Alcuni elettori hanno fatto notare che alcuni candidati erano presenti anche nella lista degli estremisti, ma tant’è, per il momento bisogna accontentarsi.
E comunque il messaggio è arrivato: la gente vuole interagire con il resto del mondo non fargli guerra. Per ora l’establishment conservatore è ben più potente del presidente; la Guida Suprema può porre il veto alle sue decisioni. L’isolamento di questi anni ha creato lo spazio ideale per i soprusi delle Guardie rivoluzionarie, ma qualcosa sta cambiando se è vero che la cosiddetta “polizia della moralità” ha ridotto le sue visite nelle case e negli uffici. Insomma, conclude l’Economist, la volontà degli elettori conta molto meno di quanto dovrebbe in Iran, ma qualcosa conta!
(economist.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *