Romeo e Giulietta

Le app e i siti per rimediare un appuntamento sono ormai usatissime dai single -e non solo- di mezzo mondo: ci si iscrive, si scorrono le immagini di persone “disponibili” nella propria area, si sceglie qualcuno e se anche l’altro è interessato ci si scrive. Se funziona, ci si incontra. Ogni paese ha le sue applicazioni preferite (in Italia la più usata è Tinder), con piccole varianti.Verona”, per esempio, ha scelto di far incontrare israeliani e palestinesi: se sei israeliano, la app ti proporrà solo utenti palestinesi, e viceversa. Il suo inventore è un trentenne di New York, Matthew Nolan, che, parlando con un amico palestinese della sua  ragazza israeliana, scherzava sull’applicazione di incontri israeliana JDate, “Jewish Date”, autoproclamatasi la “principale app per appuntamenti tra single ebrei” . “Perché non inventiamo ‘JP’ Date?”. L’applicazione, lanciata a fine marzo in versione beta solo su dispositivi Android, ha già raccolto un migliaio di iscritti, la metà dei quali residenti a New York e l’altra metà distribuita tra Tel Aviv, Gerusalemme e la West Bank. (Haaretz)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *