Chi bombarda chi in Medio Oriente

“I sauditi stanno bombardando lo Yemen perché temono che gli sciiti Houthi stiano lavorando per gli iraniani e al contempo stanno bombardando l’Isis in Iraq e in Siria; e così gli Emirati Arabi Uniti. Il governo siriano sta bombardando i suoi nemici in Siria e il governo iracheno sta ugualmente bombardando i suoi nemici in Iraq. America, Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Olanda, Australia e – che ci crediate o no – il Canada stanno bombardando l’Isis in Siria e in Iraq, in parte per conto del governo iracheno (cioè le milizie sciite), ma assolutamente non per conto del governo siriano”.
Così comincia un articolo, a tratti sarcastico, di Robert Fisk sulla natura “settaria e teologica” della guerra in corso, in cui viene denunciata anche l’opacità degli interessi e degli obiettivi di un conflitto dove da una parte i sunniti sauditi bombardano gli sciiti yemeniti e gli sciiti iraniani i sunniti iracheni, ma dall’altra i sunniti egiziani bombardano i sunniti libanesi e i sunniti giordani bombardano i sunniti iracheni.
Con un tale traffico aereo, aggiunge Fisk, c’è da rimaner sbalorditi per il fatto che tutti questi guerrieri del cielo non si scontrino regolarmente tra di loro.
(www.independent.co.uk)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *