“Mare Monstrum” – da neodemos.it

Sulla fine dell’operazione “Mare Nostrum”, un intervento di Gianpiero Dalla Zuanna*

Tra po­chi gior­ni, nel no­vem­bre del 2014, l’o­pe­ra­zio­ne di pat­tu­glia­men­to del Ca­na­le di Si­ci­lia chia­ma­ta Ma­re No­strum, co­min­cia­ta cir­ca un an­no fa, do­po il nau­fra­gio di 366 mi­gran­ti al lar­go di Lam­pe­du­sa (e una ven­ti­na di di­sper­si -3 ot­to­bre 2013), do­vreb­be ces­sa­re, ed es­se­re so­sti­tui­ta da una nuo­va ope­ra­zio­ne del­l’a­gen­zia eu­ro­pea per il con­trol­lo del­le fron­tie­re Fron­tex, che si chia­me­rà Fron­tex Tri­ton (do­po un’i­ni­zia­le pro­po­sta di de­no­mi­na­zio­ne Fron­tex Plus). Non sa­rà la stes­sa co­sa.

Le prin­ci­pa­li dif­fe­ren­ze so­no nel­la re­spon­sa­bi­li­tà del­la ge­stio­ne (eu­ro­pea, e non più na­zio­na­le), nel con­te­ni­men­to dei co­sti, e -for­se so­prat­tut­to- nel rag­gio d’a­zio­ne, li­mi­ta­to a 30 mi­glia dal­la co­sta ita­lia­na, men­tre con Ma­re No­strum si ope­ra­va in ac­que in­ter­na­zio­na­li, spes­so an­che a ri­dos­so del­le co­ste li­bi­che, pat­tu­glian­do una su­per­fi­cie va­sta co­me tre vol­te la Si­ci­lia.
Ma­re No­strum ha in­con­tra­to mol­te op­po­si­zio­ni in­ter­ne: al­cu­ne ra­gio­ne­vo­li (ci so­no in­dub­bia­men­te pro­ble­mi di co­sti e di con­di­vi­sio­ne del­le re­spon­sa­bi­li­tà con gli al­tri pae­si eu­ro­pei), ma, co­me spes­so av­vie­ne, quel­le gri­da­te a vo­ce più al­ta so­no in­ve­ce fon­da­te più su pre­giu­di­zi e de­ma­go­gia che non su fat­ti og­get­ti­vi. Pro­via­mo a smon­ta­re al­cu­ni mi­ti.

Mi­to #1: con Ma­re No­strum im­por­tia­mo ma­lat­tie (a co­min­cia­re da Ebo­la)
Ma­re No­strum non ha au­men­ta­to il ri­schio di “im­por­ta­re” ma­lat­tie: an­zi, lo ha di­mi­nui­to. La San Giu­sto, ad esem­pio, na­ve am­mi­ra­glia del­l’o­pe­ra­zio­ne, di­spo­ne di stru­men­ti sa­ni­ta­ri mol­to avan­za­ti, co­me la ba­rel­la fil­tro pres­su­riz­za­ta (ne­ces­sa­ria per tra­spor­ti di pa­zien­ti  con ipo­te­si di gra­vi ma­lat­tie in­fet­ti­ve) e la sa­la ope­ra­to­ria d’e­mer­gen­za. Tut­te le per­so­ne re­cu­pe­ra­te in ma­re ven­go­no vi­si­ta­te già di­ret­ta­men­te nel­le na­vi. Se Ma­re No­strum ve­nis­se so­spe­sa e se au­men­tas­se il nu­me­ro di sbar­chi di­ret­ti dai bar­co­ni sul­le no­stre co­ste, il ri­schio di con­ta­gi au­men­te­reb­be, per­ché si trat­te­reb­be, a quel pun­to, di per­so­ne non più con­trol­la­te.
Per giun­ta, i mi­gran­ti che ven­go­no in­di­riz­za­ti ai cen­tri di ac­co­glien­za ven­go­no nuo­va­men­te vi­si­ta­ti e ven­go­no poi co­stan­te­men­te con­trol­la­ti dal pun­to di vi­sta sa­ni­ta­rio. In­som­ma: qual­che mi­gran­te ar­ri­va, sì, con ma­lat­tie (che al­tro ci si po­te­va aspet­ta­re, da­te le con­di­zio­ni in cui que­ste per­so­ne han­no vis­su­to e viag­gia­to ne­gli ul­ti­mi me­si?), ma è al­ta­men­te im­pro­ba­bi­le che que­ste ven­ga­no tra­smes­se al­la po­po­la­zio­ne ita­lia­na, né ci­vi­le né mi­li­ta­re.

*Università degli Studi di Padova,
Consulente del Ministro per le Politiche Famigliari
gianpierodallazuanna.com

Pubblicato nel n. 216 di Una città. Leggi tutto qui: http://unacitta.it/newsite/articolo.asp?id=992

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *