“I countdown” – lettera di Belona Greenwood

Belona Greenwood*, da Norwich, Inghilterra, ci parla dell’abitudine degli inglesi a fare conti alla rovescia, e del referendum per l’indipendenza della Scozia…

Ca­ri ami­ci,
a noi piac­cio­no i count­do­wn. Non so se que­sto av­ven­ga an­che ne­gli al­tri pae­si, ma noi ab­bia­mo count­do­wn an­nua­li: un con­ti­nuo chiac­chie­ric­cio su quan­to an­co­ra man­ca al Na­ta­le o il con­to al­la ro­ve­scia sui Mon­dia­li du­ra­to fi­no a che la com­pe­ti­zio­ne non ha in­va­so i gre­mi­ti lo­ca­li not­tur­ni. Esi­ste per­fi­no un gio­co te­le­vi­si­vo -una dro­ga, per i te­le­spet­ta­to­ri in­tel­let­tua­li del tar­do po­me­rig­gio- chia­ma­to Count­do­wn. Re­cen­te­men­te il con­to al­la ro­ve­scia che ha fat­to più no­ti­zia è sta­to quel­lo dei 100 gior­ni.
Si trat­ta dei 100 gior­ni pre­ce­den­ti il re­fe­ren­dum sul­l’in­di­pen­den­za del­la Sco­zia, che han­no con­qui­sta­to la pri­ma pa­gi­na per­ché l’i­ni­zio del count­do­wn coin­ci­de­va con le vo­ta­zio­ni pub­bli­che sul di­sfa­ci­men­to del­l’u­nio­ne, sul­lo scio­gli­men­to e sul ta­glio di no­di stret­ti; se ciò av­ver­rà, ri­ten­go che per gli in­gle­si sa­rà una tra­ge­dia. Que­sto mio sen­ti­men­to non mi met­te­rà cer­to in buo­na lu­ce fra co­lo­ro che so­no a fa­vo­re del­l’in­di­pen­den­za. Per­ché mai la Sco­zia do­vreb­be tol­le­ra­re po­li­ti­che go­ver­na­ti­ve che non ha mai vo­ta­to o sup­por­ta­to? La Sco­zia è pri­va di con­ser­va­to­ri, ep­pu­re lo zam­pi­no To­ry si è spin­to fin nel­la lo­ro tor­ta de­mo­cra­ti­ca.
La scrit­tri­ce J.K. Ro­w­ling, dal­la cui pen­na, in un bar di Edim­bur­go, ha pre­so vi­ta il fa­mo­so ma­ghet­to Har­ry Pot­ter, si è im­pe­gna­ta a do­na­re un mi­lio­ne di ster­li­ne al­la cam­pa­gna per il “No” al re­fe­ren­dum, la co­sid­det­ta “Bet­ter To­ge­ther” (In­sie­me è me­glio). Glie­ne so­no gra­ta: ri­ten­go che la Sco­zia -las­sù tra le ser­peg­gian­ti for­ma­zio­ni roc­cio­se in ci­ma al­l’i­so­la, il ca­po espo­sto al ge­lo dei for­ti ven­ti e dei ma­ri ge­li­di- sia una va­li­da gui­da e un ri­chia­mo al­la no­stra par­te mi­glio­re: una par­te dal cuo­re ge­ne­ro­so.

 

Continua a leggere dal nostro n. 213:
http://unacitta.it/newsite/articolo.asp?id=963

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *