28 euro, l’Inps e il carcere

Cinque anni fa l’Inps manda a Luigi Balzaretti, microimprenditore, una comunicazione in cui gli segnala che il versamento dei contributi per il collaboratore è inferiore al dovuto. Per la “ragguardevole” cifra di 28 euro. La comunicazione viene passata al commercialista, ma nessuno provvede al pagamento. Dopo cinque anni, e nessun altro “segno”, arriva una comunicazione dal Tribunale di Como che condanna il Balzaretti a due mesi di reclusione (o a 3.500 euro di sanzione pecuniaria).
L’autore dell’articolo fa modestamente notare che, oltre all’esorbitante sproporzione tra “reato” e pena, a voler fare i conti della serva, la condanna comporta pure una perdita secca per il Paese,visto che mediamente il mantenimento di un detenuto costa ai contribuenti 400 euro al giorno.
(www.monitorimmobiliare.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *