Condomini morosi

Le associazioni degli amministratori segnalano che il tasso dei condomini morosi, tradizionalmente del 10%, è arrivata ormai al 20%. Da una parte c’è la crisi, infatti a non pagare oggi sono anche piccoli imprenditori e artigiani. E’ colpito anche il ceto medio: i debiti condominiali sono presenti anche in quartieri prestigiosi, come i Parioli a Roma, San Babila a Milano o Posillipo a Napoli. Paradossalmente vanno meglio i pensionati, il cui reddito è comunque costante. La morosità è agevolata anche da un fattore tecnico: il recupero coattivo delle spese condominiali è molto lungo e difficile, per cui molti preferiscono dare la precedenza a mutuo e altre rate, lasciando queste per ultime. Dall’altra parte, però, c’è chi indubbiamente approfitta della crisi per non pagare, anche se potrebbe.
(sole24ore.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *