Scambiati per clandestini

Secondo il Ministro degli Interni Maroni i libici non pensavano di mitragliare un peschereccio italiano, ma un’imbarcazione carica di clandestini. A bordo della motovedetta libica c’erano militari italiani per addestrare i marinai libici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *