Il panino di Andrea Costa

Raccontano che Andrea Costa prima di partire per Roma si preparasse un panino da mangiare in treno. Anche allora i treni erano gratis per i deputati. La differenza era che questi non percepivano alcuno stipendio.
Quando la sinistra capirà che un punto d’onore del suo programma dovrebbe essere il varo di una legge per un impoverimento drastico dei deputati, nazionali e regionali, e che, nell’attesa, certamente assai lunga, di una sua approvazione, quell’obiettivo andrebbe messo in pratica unilateralmente, sarà il segnale che qualcosa cambia. L’altro sarebbe se tornassimo tutti a intendere, compresi i numerosi seguaci dei nuovi predicatori, che le regole morali a cui attenersi non le dettano i vari codici, bensì gli statuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *