I padroni dell’Iraq

Un soldato dei reparti scelti britannici, le Sas, ha abbandonato l’esercito dopo essere tornato dall’Iraq. “Gli iracheni vengono trattati come persone subumane. Ho visto commettere ogni sorta di violenza, uccidere senza motivo”, “Ho visto ogni sorta di abuso. Gli americani si sentono i padroni dell’Iraq” (dall’Unità, 3 maggio 2006).
Alla radice del disastro iracheno c’è il disprezzo, e niente affatto il rispetto, per popolazioni oppresse da una dittatura. In tutto il mondo occidentale si è diffuso una specie di razzismo di stampo coloniale, verso “i pezzenti”, che oltre a essere odioso, sta diventando politicamente catastrofico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *